Gas alimentari header

Gas alimentari

Gas alimentari

Contattaci food

Contattaci

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Scrivi a: foodandbeverage@siad.eu

Menù di Navigazione

Gas alimentari

SIAD fornisce gas alimentari, tecnologie e servizi di elevata qualità, che garantiscono l’assoluta sicurezza degli alimenti, con soluzioni applicative efficaci ed innovative. I gas alimentari SIAD sono utilizzati nei diversi processi di produzione nelle industrie del Food & Beverage e sono certificati in conformità alla norma UNI EN ISO 22000:2005 ed allo standard FSSC 22000:2010.

In base al tipo di applicazione, i gas alimentari SIAD possono essere impiegati come additivi, coadiuvanti di processo e ingredienti nel rispetto delle caratteristiche organolettiche, innovative e qualitative.

I principali gas alimentari utilizzati nell’industria del Food & Beverage sono l’anidride carbonica, l’azoto, l’argon e l’ossigeno, che permettono di conservare le qualità organolettiche dei prodotti, allungare la shelf life e quindi migliorare la vendibilità dei prodotti. I gas alimentari SIAD consentono quindi di:

  • ottimizzare i cicli produttivi, aumentando i volumi
  • avere una maggiore estensione territoriale e capacità distributiva
  • ridurre i costi e le perdite dovute a scarti di produzione

LE LINEE E I SERVIZI DEL GAS ALIMENTARE

Il gas alimentare della linea Foodline® risponde a tutti i requisiti di sicurezza e qualità previsti dalla legge. Così come l'anidride carbonica fornita per la gasatura delle bevande attraverso il servizio Happydrink®, destinato al mercato della ristorazione collettiva e iSpring, per la gasatura domestica di acqua e bevande. Invece, con Aroma+ i profumi, il sapore e l’aspetto originale dei prodotti alimentari si mantengono inalterati.

SIAD è stata tra le prime gas company ad aver ottenuto le certificazioni per la produzione di gas alimentare, che rappresentano un punto di riferimento mondiale in materia di igiene e sicurezza, quali:

  • HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point), un metodo di autocontrollo igienico finalizzato a tutelare la salute del consumatore. In base a tale metodo, tutte le fasi che vanno dalla produzione dell’alimento fino alla vendita al consumatore finale sono sottoposte ad un’attenta analisi, in modo da individuare i punti più a rischio per l’igiene del prodotto ed adottare degli adeguati sistemi di prevenzione.
  • ISO 22000, lo standard fondamentale per i sistemi di gestione della sicurezza nel settore alimentare. Questa norma consente a tutte le aziende coinvolte nella filiera di identificare con precisione i rischi a cui sono esposte e di gestirli in maniera efficace.
  • FSSC 22000, uno schema di certificazione, che si rivolge nello specifico ai produttori agroalimentari e aiuta a raggiungere gli standard di sicurezza nei processi produttivi, lungo la catena di fornitura. Lo standard FSSC è stato infatti approvato dalla GFSI (Global Food Safety Initiative) ed è l’equivalente, per i produttori agroalimentari, degli standard tecnici BRC Food (British Retail Consortium) e IFS (International Food Standard), utilizzati nella GDO.